Do NOT follow this link or you will be banned from the site!
Associazione Italiana Confindustria Alberghi
 
 

Comunicato Stampa - 20/05/2020

Confindustria Alberghi: urge un cambio di passo per tenere il tempo dell'economia e dei mercati

Comunicato Stampa

Dopo una lunga attesa il Decreto Aprile oggi Decreto Rilancio è arrivato ma le misure che sarebbero state efficaci nelle prime fasi della crisi oggi appaiono nel complesso appannate e insufficienti.

Quello di oggi è un passo avanti ma purtroppo siamo alla rincorsa di una crisi che va molto più veloce dei tempi di reazione della politica. Affrontiamo ora il problema degli affitti di marzo, quando è chiaro ormai che le difficoltà perdureranno per l’intero 2020 e almeno parte del 2021.

Se vogliamo mettere in sicurezza le aziende e rendere possibile l’avvio sia pure a ranghi ridotti, della stagione turistica, è  necessario dare alle imprese  “visibilità” per i prossimi mesi.

Serve un rapido cambio di passo per tenere il tempo dell’economia e dei mercati altrimenti rischiamo di rendere inefficaci le misure fin qui adottate.

E’ sotto gli occhi di tutti che il turismo e l’industria alberghiera sono i settori più colpiti, con oltre il 96% del personale in cassa integrazione. E sappiamo anche che i tempi per attivare un recupero almeno parziale con la stagione estiva  sono strettissimi, occorre un intervento immediato e dedicato al settore che sciolga i nodi e ci permetta di riaprire.

Bene le dichiarazioni di ieri dei Ministri Patuanelli e Franceschini sul Recovery Found, ma aldilà  dei dubbi che poi si arrivi a sciogliere il nodo europeo, i tempi sarebbero comunque troppo lunghi.

Al Governo chiediamo in questa fase un intervento forte mirato dedicato al settore – dichiara Maria Carmela Colaiacovo, Vice Presidente di Associazione Italiana Confindustria Alberghi.

 

 
V.le Pasteur, 10 - 00144 Roma (RM), Italia
T +39 06 5924274 F +39 06 54281933
info@alberghiconfindustria.it - alberghiconfindustria@pec.alberghiconfindustria.it C.F. 97717030585
Aderente a:    Confindustria Federturismo