Associazione Italiana Confindustria Alberghi
 
 

Comunicato Stampa - 27/01/2021

Audizione Confindustria alberghi: PNRR insufficiente

Digitalizzazione, ristrutturazioni e riqualificazioni, occupazione

Un anno di crisi nera quello appena trascorso che ancora oggi vede moltissimi alberghi chiusi e mai riaperti da marzo. Una crisi che ha più che dimezzato le presenze totali nel nostro Paese con un -56% rispetto all’anno precedente e un dato ancora più allarmante se si osserva il calo della componente straniera con un -72%.

Queste le premesse di Maria Carmela Colaiacovo Vice Presidente di Associazione Italiana Confindustria Alberghi questa mattina in occasione dell’audizione sul Recovery Plan presso la X Commissione Attività Produttive, Commercio e Turismo della Camera.

Abbiamo dinnanzi a noi un periodo ancora molto duro, Enit stima che il ritorno ai livelli pre crisi potrà affacciarsi all’orizzonte solo nel 2023 – ha dichiarato la Vice Presidente Colaiacovo. Per questo siamo sconcertati rispetto a quella che sembra la decisione di destinare nel PNRR appena 8 miliardi a turismo e cultura. Due asset centrali nell’economia del Paese a cui viene riservato poco più del 2,5% delle risorse del piano a fronte di un impatto sul PIL che per il solo turismo vale oltre il 13% del totale.

Ancora una volta la rilevanza del settore e la gravità della situazione in cui si trovano aziende e lavoratori appare largamente sottostimata.

Nel corso dell’audizione è stata sottolineata la necessità di poter disporre, oltre agli aiuti emergenziali necessari per la sopravvivenza stessa delle imprese, di una strategia di medio lungo periodo per accompagnare e salvaguardare l’intero settore.

Ci aspettavamo di trovare nel piano nazionale di ripresa e resilienza una strategia e una visione organica per il rilancio del comparto tanto più vista la piena sintonia tra gli obiettivi di fondo di Next Generation Eu, e le linee di fondo dello sviluppo per il settore turistico alberghiero. Digitalizzazione e innovazione, transizione verde e coesione sociale trovano pienamente spazio e coerenza in un fenomeno come il turismo che cresce insieme al territorio e al contesto culturale e sociale che lo circonda – ha sottolineato la Colaiacovo.

Nel corso dell’Audizione Confindustria Alberghi ha segnalato alcune priorità che possono e devono trovare spazio più compiutamente all’interno del piano.

Su digitale e innovazione le risorse sono del tutto inadeguate e le indicazioni sugli obiettivi sono estremamente generiche, senza neppure toccare il tema di fondo della esigenza di riequilibrio di un mercato oggi fortemente distorto e condizionato da pochi grandi attori digitali che richiedono commissioni sempre più alte e condizioni sempre più stringenti. Una situazione che ha evidenziato tutti i suoi limiti nei primi mesi della crisi quando le imprese sono state addirittura costrette a subire policy di cancellazione estranee alle previsioni del nostro ordinamento con ingenti perdite economiche e conseguente riduzione della liquidità – ha sottolineato la Colaiacovo.

Sempre nel “capitolo” turismo la voce miglioramento delle infrastrutture turistico ricettive e dei servizi turistici vale 1,5 miliardi e ricomprende al suo interno sia interventi di natura strutturale che digitale. Risorse queste sideralmente lontane dalle reali esigenze e dagli obiettivi stessi posti dal piano.

La crisi di questi mesi ha di fatto bloccato gli investimenti e misure fortemente attese come il bonus energetico o il bonus facciate sono rimasti “al palo”. Analogamente il Tax Credit Riqualificazioni, per il quale siamo ancora in attesa del regolamento operativo, non è adeguato alle attuali esigenze.

È evidente che le risorse sono talmente limitate rispetto alla realtà del settore, da non avere alcun potenziale impatto significativo sulle imprese.  Per questo chiediamo un credito fiscale “rinforzato” analogo a quello previsto dal Superbonus al 110%. Un credito immediatamente cedibile, indispensabile in questa fase di scarsa o nulla liquidità e di grandissima rilevanza anche per le altre filiere coinvolte in particolare edilizia, arredo, design, tutte eccellenze del made in Italy. Un volano questo che sarebbe certamente utile per la ripartenza e per l’occupazione, ma anche l’opportunità di diffusione di una nuova cultura e di una nuova sensibilità ambientale nel paese – ha proseguito la Colaiacovo.

Un’assenza “pesante” nel piano è il tema della patrimonializzazione delle imprese. Secondo le stime del Centro Studi Confindustria nelle sole attività di alloggio-ristorazione il ricorso a prestiti bancari è aumentato di 8 miliardi di euro nel 2020. Una situazione che richiede maggiore attenzione e un capitolo dedicato alla definizione di misure per la patrimonializzazione delle imprese e il loro accesso ai mercati finanziari e dei capitali, fondamentali per lo stesso conseguimento degli obiettivi del Piano.

E proprio sul tema dell’occupazione si è concentrata la parte conclusiva dell’audizione. Il settore turistico, prima della crisi, occupava il 14,9% della forza lavoro del paese e secondo i dati ISTAT nel solo comparto ricettivo gli occupati sono circa 300 mila.

Il fermo forzoso cui è costretto il settore ha imposto il ricorso agli ammortizzatori sociali per la maggior parte dei lavoratori che ad oggi hanno prospettive ancora poco chiare per i prossimi mesi. In attesa della ripresa, che sarà comunque debole e discontinua, c’è bisogno di misure adeguate in grado di accompagnare lavoratori ed imprese. Per questo è necessaria la proroga degli ammortizzatori Covid 19 così come deve essere potenziata la decontribuzione prevedendo possa operare anche in concomitanza con la cassa integrazione. Un elemento essenziale questo per favorire il rientro in servizio per un maggior numero di lavoratori anche in una condizione instabile di mercato e, conseguentemente, di attività discontinua. Tra l’altro la decontribuzione per le nuove assunzioni degli stagionali, in un quadro di forte incertezza, potr ebbe favorire la ripartenza dell’impresa e del lavoro proprio nelle fasce più deboli verso cui si appunta l’attenzione del Piano.

I tempi sono strettissimi e l’efficacia dei progetti è condizionata da modalità e tempi di attuazione. Una pianificazione che deve passare necessariamente attraverso un confronto a cui ci rendiamo fin da subito disponibili – ha concluso la Vice Presidente Colaiacovo.

 
V.le Pasteur, 10 - 00144 Roma (RM), Italia
T +39 06 5924274 F +39 06 54281933
info@alberghiconfindustria.it - alberghiconfindustria@pec.alberghiconfindustria.it C.F. 97717030585
Aderente a:    Confindustria Federturismo