Associazione Italiana Confindustria Alberghi
 
 

Comunicato Stampa - 22/04/2024

Crescono i turisti italiani nel lungo ponte di primavera

25 aprile e 1 maggio: le tendenze del settore alberghiero

Prove generali di estate, malgrado il meteo di questi giorni.

I lunghi ponti del 25 aprile e 1 maggio rimettono in movimento i viaggiatori italiani.

Ottimi i segnali dal settore alberghiero con un’occupazione media che supera il 70% proprio grazie ad una significativa crescita della clientela italiana che va ad aggiungersi ai viaggiatori internazionali che continuano a scegliere le nostre destinazioni.

 

Molto positivo il primo banco di prova per le destinazioni mare. Le prenotazioni sono in aumento sia per quanto riguarda il ponte del 25 aprile – dove le camere prenotate sono il 77% di quelle disponibili grazie alla presenza degli italiani (+15% le prenotazioni dei nostri connazionali rispetto all’analogo ponte dello scorso anno) ma anche degli stranieri (+3%) – che per quello del primo maggio, dove siamo già al 67% delle camere prenotate (+6% l’aumento delle prenotazioni da parte degli italiani; +2% l’aumento delle prenotazioni da parte degli stranieri).

 

Benissimo le nostre città.

 

Venezia si conferma la meta più ambita sia per il ponte del 25 aprile con oltre il 90% delle camere già prenotate che per quello del 1 maggio, con oltre l'88% di prenotazioni.

 

Bene Anche Firenze dove per il ponte del 25 aprile risultano già prenotate oltre l'80% delle camere disponibili, mentre per quello del 1 maggio il dato è al 77% con una componente significativa di clientela proveniente dagli USA, Cina e dal Regno Unito

 

Continua l’exploit di Napoli che registra, per il ponte del 25 aprile, un aumento delle prenotazioni trainato sia da una forte domanda nazionale che estera con l'85% delle camere prenotate. Bene il dato per la festa del 1 maggio con il 68%, in attesa del last minute, delle camere occupate.

 

Roma si conferma in linea con il 2023 per entrambi i ponti, con il 75% delle camere prenotate per il 25 aprile e il 78% per il 1 maggio.

 

In rallentamento Milano, dopo l’uragano del Salone del mobile, con un -10% per la clientela italiana rispetto al 2023 e -3% per quella straniera.

Meglio il ponte di maggio con il 45% delle camere occupate in linea con il 2023.

 

"I dati di questi giorni sono molto incoraggianti per il settore.

Fondamentale il ritorno dei viaggiatori italiani che per questi ponti di primavera hanno scelto una vacanza in Italia.

Ma si conferma l’attenzione dei viaggiatori internazionali verso il nostro Paese, che ci sta accompagnando già da molti mesi.

Nell’insieme, prova superata! Guardiamo con fiducia ai prossimi mesi malgrado le sfide che attraversano il settore – ha dichiarato Maria Carmela Colaiacovo, Presidente di Associazione Italiana Confindustria Alberghi.”

 
V.le Pasteur, 10 - 00144 Roma (RM), Italia
T +39 06 5924274
info@alberghiconfindustria.it - alberghiconfindustria@pec.alberghiconfindustria.it C.F. 97717030585
Aderente a:    Confindustria Federturismo